Ramazzini: verso la normalità

“Ci sono stati ritardi nell’iter che porterà alla realizzazione delle sale operatorie, ma questa rappresenta l’unica eccezione nei tempi di ripristino dei reparti e, in aggiunta, tutte le attività precedentemente svolte sono state ripristinate”. Questa la risposta di Mariella Martini, direttore dell’Azienda Usl, illustrata dall’assessore alla Sanità, Alberto Bellelli, durante l’ultima seduta del consiglio comunale di giovedì scorso. Martini ha replicato all’interrogazione della consigliera Giuseppina Baggio, che chiedeva un aggiornamento sui tempi di rientro al Ramazzini. La consigliera ha chiesto, inoltre, all’assessore Bellelli se trovi conferma la realizzazione di un magazzino farmaceutico all’interno del locale nosocomio. Un quesito che il titolare della Sanità ha sciolto ieri pomeriggio dopo un colloquio con la direttrice del Ramazzini, Teresa Pesi. “Per quanto riguarda la creazione di un magazzino farmaceutico – spiega Bellelli – si va nell’ottica della razionalizzazione. Questo significa che l’ospedale di Carpi farà riferimento al magazzino farmaceutico di Reggio Emilia, per ottimizzare le risorse ed evitare gli sprechi, com’era già previsto dalla pianificazione sanitaria, ben prima del terremoto dello scorso maggio”. Riguardo agli altri reparti, invece, la direzione sanitaria ha fatto sapere che “per quanto attiene i tempi di ripristino dei reparti per cui si era comunicato il termine nell’autunno 2012, si conferma che per la maggior parte della riattivazioni tali tempi sono stati sostanzialmente rispettati a meno di piccoli ritardi sopraggiunti per imprevisti o intervenute valutazioni in merito a migliorie apportabili nei ripristini puntuali dei servizi che vi vengono erogati. Fanno eccezione le sole quattro nuove sale operatorie in fase di ultimazione e riattivabili da marzo 2013”.

Leggi tutto

Comments are closed.