Insieme per ricostruire

A un anno dal sisma che ha colpito l’Emilia, il centro commerciale Il Borgogioioso di Carpi si appresta ad ospitare, nel periodo che va da domenica 19 maggio a sabato 1 giugno, “Un anno dopo, affrontando il futuro”, una serie di iniziative che vogliono testimoniare la straordinaria capacità di questa terra di riappropriarsi “a muso duro” del proprio il futuro e dare visibilità ai molti lavori in corso che con tenacia e caparbietà stanno andando avanti. L’iniziativa si avvale del patrocinio del Comune di Carpi.

Domenica 19 maggio alle 18.00 alla presenza di S.E. Francesco Cavina, vescovo della diocesi di Carpi, e del sindaco di Carpi, Enrico Campedelli, verrà posta in galleria un’immagine della Vergine, tratta in salvo da una delle innumerevoli chiese devastate dal terremoto, in quella che ad oggi è la diocesi più terremotata d’Italia, i cui danni si calcolano in 480 milioni di euro, a fronte dei quali è stato finora raccolto poco più di 1,4 milioni di euro. L’immagine transfuga rimarrà fino al 1 giugno e vuole essere il simbolo del patrimonio artistico e religioso che è stato duramente colpito dal sisma del maggio 2012, quando solamente 3 delle 49 chiese presenti sul territorio risultavano agibili, rappresentando una ferita profonda che ha colpito luoghi cari al sentimento religioso ma anche un patrimonio culturale inestimabile. Il terremoto ha fatto scempio di tanti luoghi antropici per eccellenza, che testimoniano l’opera modellatrice del paesaggio urbano da parte dell’uomo seguendo gusto e sentimento, e contribuendo con la loro presenza a caratterizzare una piazza o un centro storico e a renderli unici e cari nei ricordi di tutti.

Leggi tutto

Comments are closed.