La scuola diventa un’azienda

La scuola si trasforma in un’azienda grazie al progetto Simul Impresa che prenderà il via a novembre all’istituto d’istruzione superiore Meucci. Al piano terra della scuola, infatti, i circa 160 studenti coinvolti da quest’iniziativa ricopriranno diverse mansioni che si ritrovano nell’ufficio di una ditta, dal commerciale, all’amministrativo, dalla segreteria, alla compilazione di veri e propri ordini, proprio come accade nella febbrile realtà di un’azienda. Madrine di questo progetto promosso dalle sezioni professionali del Meucci, saranno tre aziende affermate del tessuto economico locale e non solo: Imballaggi Cavicchioli, ll Sarchio e Liu Jo forniranno infatti consulenza a professori e ragazzi nel portare avanti Simul Impresa portando l’esperienza della ditta direttamente dentro l’istituto scolastico. “Siamo partiti con entusiasmo a seguito di un corso di formazione che abbiamo frequentato, io è un’altra ventina di docenti del Meucci al Centro di Formazione Professionale di Ferrara  – commenta Barbara Rovatti, prof di economia aziendale e coordinatrice di Simul Impresa, insieme ai docenti Tiziana Arbizzi e Massimo Negrelli, insegnanti, rispettivamente, di informatica e laboratorio e di economica aziendale – Le classi coinvolte saranno sette, per un totale di circa 160 studenti: si tratta di classi seconde e terze del professionale. Al piano terra del Meucci, a partire da novembre, alcune aule saranno completamente trasformate e diverranno teatro di un’azienda cui daranno vita i ragazzi. Partiranno prima le terze con un turno che stiamo programmando a partire da novembre, come accennato, fino a febbraio. Successivamente, il testimone verrà raccolto dalle classi seconde. Un giorno alla settimana i ragazzi coinvolti da Simul Impresa sanno che verranno a scuola per… lavorare. Gli studenti riceveranno ordini dal centro professionale di Ferrara che si presenteranno di volta in volta come richieste di clienti o fornitori e avranno il compito di espletarli. Ciascuno di loro, a rotazione, avrà l’opportunità di ricoprire più ruoli differenti. – conclude Rovatti – In aggiunta, particolare rilevante, tutor di Liu Jo, Il Sarchio e Imballaggi Cavicchioli forniranno input preziosissimi e faranno sì che gli studenti prendano parte alla vita aziendale”. Il progetto è reso possibile grazie al sostegno della Regione e a seguito della riforma dell’Istruzione e Formazione Professionale. Si tratta della prima iniziativa di questo tipo a Carpi e arriva poche settimane dopo ScuoLavoro, ossia un altro progetto in cui la scuola si pone come tramite fra studenti e mercato del lavoro, organizzando colloqui sulla base delle attitudini dei ragazzi.

L’articolo La scuola diventa un’azienda sembra essere il primo su Carpi Affari.

Leggi tutto

Comments are closed.