Il treno…inaffidabile

E’ un problema tanto annoso quanto irrisolto. I pendolari che ogni giorno prendono il treno di prima mattina si trovano di fronte a ritardi, orari improvvisati, oltre a carrozze poco capienti che non sono sufficientemente attrezzate per trasportare con dignità tutti i passeggeri e molte volte si presentano in condizioni igieniche discutibili. Lo testimoniano soprattutto gli studenti degli istituti superiori che si recano dalla stazione di Carpi a Modena ogni giorni, salendo su treni che partono nella fascia oraria che va dalle 6.30 alle 7.30: una fascia oraria troppo spesso vittime di modifiche all’ultimo secondo negli orari e causa di ritardi frequenti nell’arrivo degli alunni in classe. Tanto che Trenitalia regala a questi pendolari vittime di disservizi un mese gratuito di abbonamento, ammettendo così che il servizio non è dei migliori… “L’autobus funzionava molto meglio – spiega Reda Braisi, mentre prende il treno delle 7.24 per raggiungere il Corni a Modena, alludendo al servizio bus sostitutivo che ha preso temporaneamente il posto del treno nei giorni scorsi – Ora, invece, devo stare attento perché arrivo proprio sul filo di lana e i ritardi sono all’ordine del giorno”. Mentre c’è chi è partito in tempo per arrivare a scuola a Modena, altri studenti che avrebbero dovuto salire intorno alle 7.30 sul convoglio, stanno fotografando il tabellone degli orari per avere una prova da esibire a insegnanti e preside che non arriveranno in ritardo intenzionalmente, ma è colpa del mezzo di trasporto. “Il treno subisce molti ritardi e non capita spesso che arriviamo a scuola puntuali – racconta Federica Bulgarelli, 18 anni, studentessa del Venturi – Ormai siamo rassegnati…”. I disagi dei treni sono da anni sulla bocca dei politici: vedremo se prima della campagna elettorale delle amministrative 2014 qualcuno sarà spronato a fare proposte concrete per eliminarli…

L’articolo Il treno…inaffidabile sembra essere il primo su Carpi Affari.

Leggi tutto

Comments are closed.