Una frazione … “Per Cortile”

Oltre duecento persone hanno partecipato alla cena di autofinanziamento del comitato per asserire i propri diritti che sono numerosi e vanno ribaditi

Successo strepitoso per la cena di autofinanziamento organizzata dal comitato Per Cortile al circolo Arci, evento al quale hanno partecipato oltre duecento persone e che ha registrato il tutto esaurito, a conferma che i residenti della frazione hanno a cuore i propri diritti. Durante la serata Vanel Salati e Stefano Facciolo del comitato Per Cortile, hanno spiegato quali punti sono stati esposti in un incontro con gli assessori Simone Tosi, Carmelo D’Addese e Alberto Bellelli. “Abbiamo sottolineato con enfasi i forti miglioramenti necessari nel campo della viabilità – spiega Salati – non soltanto per via Griduzza, ma di tutte le strade della frazione che sono disastrate. Inoltre, i cortilesi vogliono riappropriarsi del centro civico dove ora c’è la posta. In aggiunta, pensiamo alla sicurezza del Secchia: il Comune o le Terre d’Argine dovrebbero istituire un numero verde a disposizione di chi abita di fronte agli argini, o ai proprietari di golene, o, ancora, degli operatori faunistici che si occupano di volpi. Sul punto dei nomadi, è stata ribadita la nostra contrarietà al trasloco a Cortile, tanto più visto che ci sono già due campi a Ponticelli, uno prima e uno dopo il cavo Lama. Grazie alla cena di sabato copriamo le spese legali del ricorso al Tar. Stiamo poi valutando le azioni da intraprendere: se un ricorso al Consiglio di stato o altro. – prosegue Vanel Salati – Non riusciamo proprio a capire l’azione del sindaco, paragonata a quella di un calciatore che si fa autogoal: cosa c’è dietro questo spreco di energie.  E non riusciamo a capire cosa vogliono fare in via Nuova Ponente una volta smantellato il campo: di certo non crediamo tanto ad un’area verde dove accompagnare i nipotini nel tempo libero…”.

L’articolo Una frazione … “Per Cortile” sembra essere il primo su Carpi Affari.

Leggi tutto

Comments are closed.